tarli e tarme - Manigoldilcartastorie

Vai ai contenuti

Menu principale:

tarli e tarme

PAROLE > filastrocche
a Orietta - XI. 2003

Con la erre un po’ francese
e quel tono un po’ blasé,
dice un tarlo a suo fratello:
“Divorar vorrei il buffet!”
Questo replica il gemello,
pur se l’altro non lo chiese:
“Senza alcun timor di Dio,
d’ogni fede sempre senza,
ti paleso il pensar mio:
io detesto ogni credenza!” 
Scodellata ha per la festa
mamma tarla la finestra:
tutta legno stagionato, 
che pranzetto prelibato;

dai tramezzi i tramezzini, 
stuzzicanti gli stecchini: 
che ricchezza - pare un regno - 
pure i mestoli di legno!

Babbo tarlo - meraviglia - 
stappa e getta le bottiglie, 
per offrire - gesto raro - 
tappi in sughero leggero.

Ogni ospite che giunge, 
leccornie di proprio aggiunge: 
reca un tarlo un battilardo,
altri viene col biliardo;

sedie, mensole, cornici 
- come essere infelici! - 
noce, mogano, betulla
qui non manca nulla nulla;

dagli armadi tutte le ante: 
qui non manca niente niente... 
e una tarma ch’è invitata, 
reca lana pettinata.

Mentre a chiudere in bellezza 
questo pranzo d’allegrezza 
- può mancare alfine il dolce, 
che il palato ai tarli molce? -

c’è chi viene col pianforte
c’è chi pur la pòrta porta.

( ... e per finire strofa e poesia
di segatura ... una piccola scia! )
a Orietta - XI. 2002

Una tarma imprevidente
- poiché al cambio di stagione
ci fu grande confusione –
nell’armadio non ha niente!

Come dopo gli Ostrogoti,
che estirpavano dal Foro
le colonne fatte d’oro,
i ripiani sono vuoti!

Chi s’è preso due cappotti
dalle ante ben aperte,
chi s’è preso le coperte,
chi buttò gli stracci rotti;

hanno preso scialli e sciarpe,
i golfini coi ricami,
guanti rossi per le mani
e persin le soprascarpe.

Tutto in lana naturale,
tutto in pecora merina,
cardatura fina fina
e colori dell’opale;

vesti d’alpaca e vigogna,
o tappeti dell’Oriente
dalle tinte scintillanti:
nulla resta, il vuoto regna!

Dove i tartan pettinati,
quei bei riccioli bouclé,
che alle quattro, per il the,
lei serviva agli invitati?

Dove i plaid in cachemìììre
che agli stessi, si rammenta,
lei porgeva assai contenta
s’era l’ora di dormire?

Nel gran vuoto esplode l’eco
del lamento della tarma
(incredibile il suo karma!)
coro da tragedia greca.

La tapina, tutta sola,
nell’armadio ormai deserto
al languor somma sconcerto:
non ha sciarpe per la gola,

voglia avrebbe d’un calzone:
“Cosa mangio per merenda?”
e se pur non ha la tenda,
nuova Duse sì declama:

“Ahi! me... lassa? me tapina! 
del digiuno prigioniera!
Sia la canfora foriera...
sia la bianca naftalina...

della fine prematura
di chi, un dì, dalle stampelle
cadde all’imo delle stalle
... questa vita troppo è dura!”

Avvicina alla sua bocca,
quale calice, il veleno
e con gesto eroico, estremo:
le palline bianche lecca!

... Svenne! cadde? vomitò!
ogni cosa in testa sbanda,
dopo gastrica lavanda -
a salvarla un tarlo fu.

...Va a trovarla a giorni alterni -
lei, a letto, in ospedale
(le coperte: mica male!) -
coi dolcetti per gl’infermi. 
La Scala il Sancarlo per essa è lo stesso
- nel rosso velluto si nutre il successo - 
e quando essa prova, al sipario vicina,
la trama di un’opera - o della cortina -
sebbene sia grigia, si sente in Siviglia:
con rossi volani, con nera mantiglia;
e se fare Tarmen più fame le mette
... trangugia la tarma persin la mocchette!
Trama una tarma, trama tra sé:
“Se scende il termometro, non basta del the!
Per contrastare l’inverno incalzante,
mi servo di trame di cachemire fluttuante,
di alpache rosa o vigogne arancione:
più morbide e molli di lino e cotone.
Mangiucchio o divoro, qua e là nel cassetto
- assaggi, ogni capo, cos’è Caporetto!
Degusto un guantino, di lana un maglione,
le sciarpe avvolgenti, aderenti i calzoni.
Scorpaccio, trangugio o un polso mordicchio 
- è sceso il termometro, è sceso parecchio!
Ma pure io affronto il fischiare dei venti,
non certo pel gelo fo battere i denti:
non treman dal freddo dell’algido ghiaccio,
perché sul calzino... un buco io faccio!” 
Torna ai contenuti | Torna al menu