"eroine" (o le sfigate) - Manigoldilcartastorie

Vai ai contenuti

Menu principale:

"eroine" (o le sfigate)

PAROLE > filastrocche
a Miù - XI. 2002

Le freschissime verdure
ch’ho comprato stamattina
- minestrone c’è stasera! -
han riempito la cucina.

Dalle pentole in bollore,
nel fischiare dei soffritti,
sale torbido vapore,
denso va fin al soffitto.

Mentre monta animazione,
si fa in quattro... la zucchina
dappertutto è confusione:
pare un porto la cucina.

Fra le note degli odori,
per sedurre ogni palato,
scatenati pomodori...
sono in salsa concentrati.

Come fiumi l’olio scorre,
c’è la danza dei coltelli,
un cetriolo dice al porro:
“So che c’è lo spogliarello!”

L’atmosfera ancor s’addensa,
hanno tutti il fiato corto:
giunge infatti, sulla mensa,
la regina... giù dall’orto.

Ai fagioli, agli spinaci,
a quel rosso di Treviso,
dice a tutti: “Tu mi piaci!”
ad ognuno fa un sorriso.

C’è chi sgomita, chi grida,
chi l’incalza: “Danza, danza!”
chi le urla: “Nuda, nuda,
d’ogni velo resta senza!”

Il cetriolo - che è citato -
dalla bella scosso resta:
molte cose gli ha mostrato
... quello sviene nella cesta.

Toglie i veli uno ad uno,
bianca e rossa attorno spande
un soavissimo profumo,
tantoché qualcuno piange.

Broccoletti - siciliani! -
da tal grazia sono tocchi,
tiepidino battimani
le tributano... i finocchi.

Pensa il cavolo tra sé:
“Sento il core che si scolla:
se danzasse sol per me...
quant’è bbbona ‘sta cipolla!”

Poi le grida: “Cipollé,
tu mi lasci senza fiato:
se ti sfogli sol per me
... io ripudio... ogni patata!

Sù cipolla! danza ancora,
fallo sol per me, daccapo;
batte il cuore cento all’ora,
sono fritto, so’... sformato!

Togli un velo dopo l’altro:
fino all’ultimo, ti prego.
Più del broccolo so’ scaltro:
quanto chiedi te lo pago:

una pentola a pressione,
dei sottoli, dei bicchieri:
sono ricco, son riccone,
chiedi tutti i desideri!”

Impudica, senza veli,
quella rotola ai suoi piedi:
“Puoi tu darmi... sette cieli?”
Le risponde: “Non mi credi?”

“Non m’abbagli coi tesori!”
lei gli dice e dice “Voglio...”
- viene al cavolo i sudori -
“Voglio sol... la testa d’aglio!”
Una luna di traverso
sui binari un quarto ha messo:
dietro un maschio tempo ha perso
... per amore muore adesso.

L’altro quarto, più realista,
già che amore è insulsa cosa
(costa il meno, nella lista?)
sceglie un quarto ‘della casa’.

Va nel cielo ancora mezza,
in chador e calzamaglia...
alle tresche molto avvezza
l’infedele i cuor sbaraglia.
“Con Ulisse è andata storta,
come Omero a voi riporta;
e quell’altra in Danimarca,
invaghita del monarca,
perse voce, coda e crine...
per danzare sulle spine!
Poi, più vuoto adesso è il mare: 
tutti in casa, a navigare!
... E per giunta ho mal di schiena”
sì si lagna la Sirena,
“e a sentire la mia voce
più alcun dice ‘Al cuore nuoce!’,
ché la trova, che peccato, 
da strilloni... da mercato!
Stare in acqua mi fa male,
la tristezza il cor m’assale:
io, pertanto, cambio vita
- non lo smalto sulle dita! -
e facendomi moderna
sullo scoglio non sto ferma
...perché è certo che in città
troverò chi ben mi andrà!
Con un abito alla moda
vesto, dunque, la mia coda
ed azzurra, luccicante,
guizzo in aria e chi mi sente
dirà ‘Bada! mamma mia...
ambulanza, polizia!’
Io che corro a cento all’ora,
dal mattino fino a sera,
scatenata, senza sosta...
già mi inebria tutto questo
... poi se vado giù di sotto
e mi adagio sul cruscotto
... lì vicino, sul volante,
trovo il clacson come amante!
che strombazza se è finita
quattro a zero la partita,
che si sfrena ai matrimoni,
che strombazza se arancione
il semaforo diventa
...e la corsa si fa lenta...”
Sconsolata alla finestra 
sempre stava una persiana,
non trovando cosa grata,
lei davanti all’impannata,
contemplare il panorama.

“Quei cavalli sopra il tetto
quelle cupole di rame
lungo stretto un campanile
... mentre intorno ognun bisbiglia
‘Che splendore, meraviglia
... non ti pare Canaletto?’

Forse, io non sarò colta,
di vedute molto aperta...
ma, seppur nessun mi ascolta,
io di questo sono certa!

Dunque, a me non piace il mare,
né le gondole mi acchiappa’,
di San Marco non mi importa,

dei baicoli del Doge
di tricorni e Carnevale
e che un tale Casanova
come ieri anch’oggi chiava
tutto questo... non mi cale!

Come dire... son foresta
... tutto il giorno alla finestra 
... mi... quassù... me sento strana
... mi no’ so’ ’na venessiana!”
Ha di Russia la Zarina
grandi ambasce stamattina,
per la sorte, poveretta,
che atterrò Maria Antonietta,
quando il popolo di Francia
lamentando un buco in pancia
volle pronto per il pranzo
lo sformato i porri il manzo,
e di molto se la prese
quando quella a lui rispose:
“Poi che pane non ce n’è
favoriscano... un bignè!” 
Montò il sangue loro in testa
... le spiccarono la testa!

Giacché il Russo par Francese
- adirato, in mal’arnese -
tal pensier non la consola,
e commenta tra sé sola:

“Certo! il Russo è un’altra razza:
biondi e rosa, quale stazza!
Certo! i Russi è un’altra cosa:
... mica m’entrano pe’ ccasa,
senza chiedere permesso,
senza attendere all’ingresso...
Ma, per stare più tranquilla:
oggi niente pennichella!
Evitando ogni sorpresa:
esco vado faccio spesa,
riempirò dispensa frigo,
dal pasticcio mi disbrigo!
Mai qualcun chiedesse a me:
‘Un panino... mica c’è?’
Ma se chiuso è già il mercato
o son care le patate, 
se è finita maionnnnese
per guarnire blini e riso
... puoi capire quale inferno
nel Palazzo dell’Inverno!
Che preparo, senza niente?
cosa porgo al russo dente!”

Questo medita e riflette

- l’orologio fa le sette -

spignattando sta in cucina,
ma un bel nulla lei combina.

“Non ho niente! che gli faccio?
senza vodka gli offro il ghiaccio! 
Già li sento giù alla porta
... Dio mi vedo: già so’ mmorta!
Ecco! monta’ pe’ le scale
o Miodddio: ma io sto mmale! 
agitati in sala muove...”

- l’orologio fa le nove -

“a me il popolo è vicino
...che je metto nel piattino?”

- son le quattro? son le dieci! -

“forse un po’ di pasta e ceci!
Ddio so’ fiacca, Ddddio so’ molle:
e quest’acqua che non bolle!
Dammi qualche soluzione:
qui si fa rivoluzione!
fammi avere qualche idea
... un catalogo d’Ikea!

- l’acqua bolle, è già le tre -

“mo’... me calmo con un the!
e non fossi... mezza morta
... beh! magari un po’ di torta!
Ma li sento! si avvicina’:
questi giungono in cucina!”

Ma ti pare che la sorte
‘sta Zarina manda a morte!
bianca oro due zzinnone:
dolce più di un panettone!
La Zarina è troppo buona
certo Dio non l’abbandona;
ha le gonne in raso e seta,
grassa senza un fil di dieta:
Lui la toglie dal pasticcio
e la leva da ogni impiccio,
e al telefono le detta
dell’Artusi la ricetta:

“Acqua fuoco pentolin
sei nel mezzo del cammin,
or nell’acqua per il the:
soda lor le Fabergé!”
“Io sognavo l’Alta Moda,
le sfilate di Milano:
con la Vreeland che mi loda
dernier cri di Ferragamo!”

Ma sui piatti gira intorno: 
mentre gli olii tutta l'unge
degli arrosti o del contorno
(unte infino le falangi,
ha la man che la tien stretta!) 
lucidando anche la pentola,
si rammarica scarpetta:
“Cosa n’è di Cenerentola?”
“Che so’ stufa de ‘st‘alcova:
tutti i giorni grano e miglio
ai servizi del bargiglio
tutto il tempo a fare l'ova!

Ah! s’avessi forte l’ala...
riverisco!... ci si vede!”
la gallina questo crede:
e la testa al sogno vola!

“Direttrice da Vuitton,
fare forse la scrittrice
- penna e zampe a ciò s’addice! -
fare corsi di bon ton;

potrei fare molto o poco:
via dal misero pollaio,
segretaria di notaio,
stare altera in alto loco!

Ad esempio, in bella vista
- la mia pelle nuda freme,
già nel cuore danza speme -
potrei fare... la cubista!

Meglio! ... essere la musa
- niente piume, penne via,
il pudore che idiozia,
quando l'arte il nudo impose! -

d’uno chef che lì... mi palpi
- c’è da perderci la testa:
ritta in capo ho un po’ la cresta! -
se coi palmi quei mi scalpi...

poi mi immerga in caldo bagno,
odorante d’ogni odore
- ah! l’amore! che bollore:
Dio che sogno: chi si lagna! -

Ah! pregusto il gran finale:
mi rigira poco a poco,
mi rimira... abbassa il fuoco!
mette ancora un po’ di sale!

Ne uscirei un po' indolenzita:
ma... lui spolpa e ancor stropiccia 
- “ Via quest’osso, questa è ciccia...” -
e io a lui scotto le dita!

Poi, m’adagerebbe a garbo
dentro candida zuppiera
- dopo il giorno viene sera –
atmosfere... Gattopardo:

la tovaglia coi ricami,
la signora con le perle,
tutti a bassa voce parla!
... Dio che sogno un tal domani!

Se io fossi biondo brodo”
la gallina ancora pensa
“la cubista... sulla mensa:
quale scacco per il dado!”
Molto sformata
e molto scollata!
... c’è una sedia impiallacciata

... la qual mostra
- oh! che indecenza! -
quattro gambe
a sua Eminenza.

E ancora, che trova 
per nulla amorale

... baciar qualche c..o 
... se sta al Quirinale!

Ambarabà ciccì coccò,
la Sirenetta lustra il comò,
mentre ripensa al malaffare
della coda che volle scambiare
con piedini trentatré -
non sapendo che pel re:
folla e fila c’era di
principesse in sangue bblé!

Cenerentola attendeva
tra la sesta e tra l’ottava;
era invece Biancaneve
la ventun? la diciannove?

Gialle, giunte dalla Cina,
principesse mandarine,
chiacchierando in orientale
- sulla testa sotto sale,
che una tale Turandot
vuol per dar la mano al re -
fean d’attorno gran brusio,
disturbando
- ohibò! mio Dio! -
una Bella Addormentata,
già da tempo prenotata,
che poltriva - per trastullo -
con quell’altra del pisello.

Gran bellezze tutte assai,
fino a quella ch’è un bonsai:
una certa Pollicina,
dell’amore la regina

(Tale a miele e pepe nero,
bacia a dir d’uno scudiero!
Tale all’edera s’allaccia,
ciò sostiene il guardiacaccia!
Ad alpini e marinai
niun l’udì dir “No! Giammai!”)

M’ambarabà, ma ciccì, ma coccò:
la Sirenetta il sire sposò!

E ambarabà, e coccò, e ciccìp:
or Sirenetta rammenda gli slip,

e ambarabà, e ciccia, e ciccia:
la Sirenetta cuscini sprimaccia,

dalla minestra le mosche discaccia
con il piumino oppur con gli stracci;

mentre ripensa all’affare che fe’:
vendendo la voce... 
per prendere il re!

Ha vinto su questa, ha vinto su quella:
tre uova ogni dì, Sirenetta sfrittella;
le belle e leggiadre ha ben debellato:
sei giorni su sette fa pure il bucato;
scacciò le fatate, estromise le altere

... ma sola nel letto... lei passa le sere!

... mentre l’infame - ma dimmi un po’ tu! –
passa il suo tempo... a guardar la Tivvvù!
Nell’armadio una stampella,
che si vanta d’esser bella, 
non si vuol levar di dosso 
un fourreau di raso rosso
né la stola fatta in Spagna
che al vestito s’accompagna;
ché - mai s’aprano le ante! - 
ha un progetto nella mente: 
conquistar l’attaccapanni
arcinoto dongiovanni!

Dritto dritto quei sta messo,
tra la camera e l’ingresso:
col cappotto del padrone
col cilindro col bastone.

“Il vestito che io porto,
dietro lungo avanti corto,
fa risplendere, e non male,
il mio altero personale!
Pur s’ei tiene accanto a sé 
larghe cappe di lamé
scialli veli cappellini
con ricami d’ermellini,
se mi vede, quel gagà,
... altre più non amerà!”

Ma il destino è spesso arcano: 
quando s’apre il chiuso vano
una man la veste afferra...
viene lei sbattuta a terra...
da una scarpa vien calciata...
le dà un’altra una pestata!

Or, nel freddo pavimento,
sorge in lei lo scoramento,
nuda, fragile, si cruccia:
“Non son altro che una gruccia!”
C’è un chirurgo che assicura
che può stendere ogni ruga
- darle al muso linea pura -
ad anziana tartaruga.

Solo il costo di un miliardo
l’indolore operazione,
che darà maliardo sguardo
al decrepito chelone.

Rinverdì già divi e dive,
riducendo in venti gli ‘anta;
è conteso in ogni dove:
può evirare a Casablanca.

Dà la curva assai procace
alla moglie scialba e stizza
ché il marito un dì rapace,
mo’ ch’è moscia... non s’attizza!

Contro l’aria da Travet,
offre quanto in franco suol
- se non sbordi qual rollè -
noto è qual physique du rôle!

A Quasimodo, al Mintauro,
a Cyràno, al Rigoletto
- ma che par di mani d’oro! -
lui può dar diverso aspetto.

A chi vuol frodar la legge,
ma far Fregoli non sa,
né tinture il crin gli regge:
altra egli offre identità.

Al politico ch’esterna
più incartato il dir del volto
- ma, ch’ahimè, compar sul schermo! -
diecimila rughe ha tolto;

gli ha addolcito il rotacismo,
gli ha corretto gli incisivi
e gli pompa il narcisismo
iniettando congiuntivi!

Forte è con liposuzioni,
abilissimo in trapianti,
lui - per carità cristiana -
gratis leva piaghe ai santi!

Lentamente zampettando,
come ha l’uso tartaruga,
va nell’orto riflettendo
mentre spizzica lattuga.

Quel ch’a quel pare normale
- fare maschera del volto! -
pare a quella il Carnevale,
senza nulla aver risolto.

Anni e rughe come crepe,
tanti acciacchi deleteri,
se ci metti un po’ di pepe
fanno men pensare a ieri.

Certo un po’ la stuzzicava
d’esser ganza ed alla moda:
col rossetto che non sbava,
coi lustrini sulla coda.

Ma sa bene, lo comprende,
con il guscio ch’è rifatto,
può parer - com’è di Fendi -
di rodoide una borsetta.
Una gallina, facendo le uova,
invero frustrata a sé stessa diceva:

“Mai che mi riesca di fare frittate,
mai che mi riesca far uova bollite!

Provo padelle, poi provo tegami:
ieri ho fallito... fallisco domani?

Ricette da chef io fare non so:
sul prossimo uovo...ci chioccerò sù!

Se sotto le piume lo tengo ben caldo:
nascendo un pulcino lo chiamo Rinaldo,

li chiamo Ribaldi, mai nascano in due!
... speriamo non vogliano un occhio di bue,

speriamo non chiedano mai le omelette: 
giacché la cucina... la chiudo alle sette!

La chiudo alle sette... punto e basta!
...ma fossi più cuoca... farei loro la pasta!
Non contenta di cos’era,
volle un’unghia far carriera
(non trovando cosa degna
asportare sughi e sugna,
rovinar col detersivo...
il suo smalto rosso vivo!)

“Se brigando l’armi affino,
sarò” - è certa - “... la divina!”
Lunga, aguzza crebbe, crebbe
... e il successo, alfin, si ebbe!

Spinse, infatti, nell’arena
tutta quanta la padrona...

... fatta quella in pezzi vari,
l’unghia è giunta... sugli altari.

Qui, sacerrima reliquia,
nella teca or giace obliqua
(sol ricorda il fero assalto
... picciol graffio nel suo smalto!)
Un ufficio di prestigio -
tutto vetri e smalto grigio,
rosso cuoio i corrimani,
alto almeno venti piani -

dalla sera alla mattina,
importuna un’officina;
mille arie lui si dà...
sa che quella...cederà!

“Gradirebbe del buon vino?
glielo porta il fattorino! 
Non mi neghi tal piacere
... lo confermi, giù, all’usciere!

Venga, venga, faccia un salto
al terrazzo che ho su in alto
... qualche disco in sottofondo
l’abat-jour fa luce in tondo

... lo champagne... le bollicine
se poi vuole... andiamo al cine
o guardiamo la tivvvù
... ma suvvia... ci diam del tu?”

Tutta in basso un bordo unto,
con il neon ch’è fiacco o spento,
sulla porta rotti i vetri, 
superficie nove metri;

tra due santi alle pareti
le pin up mal’appuntate,
l’officina tra sé dice
“Mi potrebbe far felice...

nei week-end Parigi, Nizza
beh!... la cosa un po’ m’attizza!
Potrei fare la signora,
potrei avere la Ferrari...

un meccanico da schianto,
lustri muscoli il suo impianto! 
l’auto lustra... mi dà lustro
... beh! ci prendo un certo gusto!”

Si rassetta le pin up,
toglie i santi e con Chanel
note aulenti intorno effonde:
“Tutti amano le bionde!”

Questo è quanto quella crede

e all’ufficio... si concede.

Dopo solo tre quattr’ore:
lei di nuovo in ascensore.
Mentre scende lentamente,
s’arrovella la sua mente:

“... collezione di farfalle? 
... m’ha slacciato le piastrelle! 
... poi s’è tolto le sue voglie 
... poi mi ha detto: ‘Sai... mia moglie...’

e, cambiando il ton di voce,
con me fu davvero atroce: 
‘Puoi levarti dal divano!
si macchiasse... è seta... è indiano!’

‘A domani?’ io tentai
m’ha ringhiato: ‘Ma che vuoi!’ 
Alla porta poi mi ha messa...”

... l'officin... non s’è rimessa!

Quell’ufficio di prestigio,
millantando immenso l’agio,
osterie, cantine adocchia,
qualche edicola ... parrocchie.

Quell’ufficio di prestigio,
con gli arredi di gran pregio,
qualche volta, a mezzogiorno,
importuna un vapoforno.
Torna ai contenuti | Torna al menu